Mignanego

Comune dell'Appennino Ligure, comprendente il versante destro della valle del torrente Riccò, dalla cui confluenza con il Verde a Pontedecimo trae origine il Polcevera. Le pendici del monte Poggio (confine con la provincia di Alessandria) e del Bricco Montaldo (662m) sono disseminate di piccoli abitati sparsi lungo la valle intorno alla strada dei Giovi (lungo la quale si trovano Ponte dell'Acqua, Vetreria e Migliarina), che qui valica lo spartiacque appenninico immettendo nella Val Scrivia.

Il nome Mignanego ha origini antichissime, fra le righe della Tavola Bronzea con la denominazione "Mignanico".


 

A Miganego una delle cose più antiche da vedere è la ruota del mulino che si trova dalle "Pile" presso il ponte della Ferrovia. Proprio di fronte alla strada vecchia che porta a Fumeri si trova l' entrata per una piccola frazione denominata "Bensci". Qui si trova la ruota suddeto che per mezzo di altri ingranaggi, azionava la tramoggia.

Dalla tramoggia il grano finiva nella macina che lo riduceva in farina. Le macine sono pesanti pietre di legno rotonde che fissate ad un perno grazie all' energia dell' acqua giravano.